Villaggi Puglia: selezione di villaggi Puglia per le tue vacanze nei campeggi e villaggi della Puglia
Villaggi Puglia
Sei in: 

Puglia » Il trullo Siamese di Alberobello

Il trullo Siamese di Alberobello

Trullo Siamese Alberobello

Le origini e le caratteristiche dei Trulli

Che cosa sono i Trulli? Meglio dire i Trulli in Puglia, strutture conosciute in tutto il mondo per la loro particolare caratteristica, la forma a cono, architettura originale per queste case popolari, tipiche della regione Puglia, per l’appunto. 

Numerose le strutture su tutto il territorio designato, con una massima concentrazione in particolare, nella Valle d'Itria, nei paesi della Murgia, come Alberobello, Locorotondo, Cisternino e Martina Franca. Nella zona, appena nominata, dove troverete nello splendido paesaggio colline, vigneti e rigata da bianchi muretti a queste particolari casette di un bianco accecante con un tetto scuro e di forma conica, sicuramente, ogni turista sarà incantato dal magico paese.

L’architettura del "trullo" o "truddhu"( pronuncia dialettale) è composta di pietra a secco, che ricorda moltissimo benissimo le abitazioni delle epoche preistoriche, questo perché nelle zone di sviluppo dei trulli, spesso, furono ritrovati dei reperti risalenti a quel periodo storico. Il materiale utilizzato, la pietra calcare, è preferito perché esiste in abbondanza nel territorio.

Non esistono trulli molto antichi, l’unico è del 1559, sicuramente perché si preferiva abbattere l’abitazione poco sicura, e ricostruirne una nuova. 

Ricordiamo che le origini dei trulli di Puglia, possono risalire al villaggio di Harran, in Turchia, infatti, il paese ha un'età di circa mille anni fa, che coincide con la presa della Puglia, da parte dei bizantini. Quindi, in quel periodo che l'architettura a trullo sia stata tramandata in terra pugliese. Casa perfetta, per i contadini pugliesi, infatti si prestava come dimora funzionale per chi doveva provvedere alla raccolta o alla semina nei terreni agricoli, inizialmente, venne utilizzata solo come una specie di rifugio, solo dopo, con il passare degli anni, spesso, veniva rifinita e curata nei dettagli, fin a divenire la casa principale per una famiglia di contadini.

Analizziamo ora la vera è propria struttura di un trullo primordiale non evoluto, costruito con il materiale per eccellenza, la pietra calcare, senza nessun legante. 

Il trullo presenta una sorta di semplice capanna in pietra di forma circolare con quattro elementi essenziali, il muro, l’arco trilitico, dove sarà posta la porta, e ancora la volta e infine il tetto a cono. Mentre il trullo evoluto, assumerà nel corso dei secoli piccole modifiche dagli stili architettonici più disparati, l'arco trilitico, sarà sostituito da un’arco romano. All’interno sono aggiunti dettagli per rendere sempre più comoda l’abitazione a trullo, ad esempio il focolare, le finestre, una cisterna, la quale posta sotto il trullo, servirà alla raccolta delle acque piovane. Con il tempo cambierà anche il perimetro del trullo, che da pianta da circolare diventerà quadrata, per rendere più semplice la formazione di abitazioni quasi bifamiliari. 

Ricordiamo che i trulli hanno ricevuto da parte dell’UNESCO, in data 5 dicembre 1996, il riconoscimento di patrimonio culturale e artistico. I trulli di Alberobello sono stati dichiarati, anche patrimonio del mondo, in particolare, Alberobello è stata inserita nella lista delle città che appartengono al Patrimonio Mondiale.

Il trullo Siamese e le leggende

Focalizziamo ora il nostro sguardo, su questa cittadina, considerata la più importante, per la presenza di numerosissimi trulli. Infatti, ad Albero bello,comune italiano di circa 11.000, in provincia di Bari, esso è costruito saldamente nella roccia calcare che sporge dal terreno, ed è in questo caratteristico comune che troviamo i trulli più belli e i trulli più particolari. Ed ecco che qui c'è la presenza del primo trullo doppio della storia. 

Questa particolarissima abitazione, presenta una struttura molto originale e particolare nel suo genere, è un trullo doppio. Infatti, presenta due ingressi, uno per ogni trullo, si affaccia su due strade differenti. ll trullo Siamese, è facilmente raggiungibile camminando lungo la scalinata di Via Monte Nero, la quale si trova esattamente, nel quartiere di Rione Monti. Il quale, come già accennato, è formato da due coni, presenta due ingressi separati. Dentro vi sono numerosi vani, con un focolare basso senza nessuna finestra, in precedenza, le stanze erano comunicanti attraverso una porta, il dettaglio particolare è presente nella rientranza dei due coni, cioè insellata. 

Le origini del trullo con la forma doppia, sono sicuramente da ricercare nelle leggende popolari. Si narra questa storia nel paese, che due figli ereditarono dal padre l’abitazione, finché, poi un giorno iniziò a crescere un odio a causa di una giovane, la quale, ebbe un atteggiamento ambiguo, prometteva l’amore al maggiore dei figli, però innamorata del minore. A causa dello scandalo amoroso, quando questo si scoprirà, i due fratelli, decidono che per continuare la convivenza, divenuta ormai insopportabile, il trullo dovrà essere diviso, ed ecco che ciascuno riceverà la sua porzione. Quindi da non perdere una visita nel trullo Siamese!

Un’ ultima piccola curiosità, è che queste abitazioni a trulli sono possibili scovarli anche girando per il mondo, ad esempio sono tipiche anche della Siria, della Libia, dell'Africa meridionale, delle isole Canarie, della Spagna, della Provenza, della Bretagna, dell’Irlanda, della Scozia, della Svezia, dell’Islanda, della Dalmazia e infine anche in Istria. Mentre, sul territorio italiano, oltre alla Puglia, i trulli sono ben presenti in Liguria, in Sardegna ed a Pantelleria.