Villaggi Puglia: selezione di villaggi Puglia per le tue vacanze nei campeggi e villaggi della Puglia
Villaggi Puglia
Sei in: 

Puglia » Visitare Monopoli (Bari)

Visitare Monopoli (Bari)

Veduta del porto antico di Monopoli

Dove relax e gusto si incontrano

Monopoli è un comune pugliese il cui nome deriva dal greco mono polis e sul cui significato ancora oggi non si ha una verità certa. Situata nella provincia di Bari, rappresenta una delle alternative per chi desidera visitare una regione ricca di sorprese come la Puglia. Trovandosi sulla costa, tra il Salento e la Valle d'Itria, Monopoli è ricca di strutture ricettive quali villaggi e hotel e può in aggiunta rappresentare il punto di partenza ideale esplorare altre località suggestive come Ostuni e Alberobello, posizionate a pochi chilometri di distanza. Inoltre, il fatto di poter godere di un clima mediterraneo, rende possibile ai turisti un soggiorno non solo nel periodo estivo, ma in qualsiasi mese dell'anno.
Trattandosi di una città di origini molto antiche, divenuta fiorente soprattutto nel Medioevo, il territorio si caratterizza per i numerosi reperti archeologici risalenti a diverse epoche, molti dei quali custoditi nella Cripta della Cattedrale.  

La zona storica di Monopoli è concentrata attorno al porto, e si caratterizza per la presenza di vie strette che sfociano in piazze piuttosto pittoresche, all'interno delle quali svettano numerosi alti campanili. A conquistare i visitatori, oltre alle spiagge e agli edifici storici, sono anche i sapori e i profumi che sprigionano dai ristoranti e dai locali della zona del porto antico; in particolare, sono le ricette a base di pesce fresco a soddisfare pienamente anche chi ha gusti difficili. La sera, non manca la possibilità di trascorrere qualche ora piacevole in uno dei wine bar di Piazza XX Settembre, mentre pub e locali si trovano soprattutto nella zona nuova della città. Come molte altre città pugliesi, Monopoli è nota per la sua propensione al turismo enogastronomico e non è certamente un caso che, durante l'anno, vengano organizzate diverse le sagre. Tra le più famose è possibile segnalare quella dedicata al panzerotto, che ha luogo nel mese di settembre, alla quale si affiancano la sagra della frittella, delle orecchiette, del pesce e di altri prodotti del territorio come zucchine e broccoli. In quasi tutte le occasioni è Piazza Vittorio Emanuele ad ospitare gli eventi, soprattutto in virtù della sua ampiezza che la rende una delle piazze più grandi dell'intera penisola.  

Nei mesi estivi sono le spiagge di Monopoli ad essere per lo più oggetto di interesse. Trascorrere qualche ora rilassandosi, e nuotando nel suo mare limpido è sicuramente un'esperienza da provare. Non a caso qui le spiagge hanno conseguito, nel corso degli ultimi anni, il riconoscimento di "Bandiera Blu". La fascia costiera si estende per 13 km, con un alternarsi di spiagge bianchissime, anfratti e calette, offrendo sia spiagge libere che lidi attrezzati. Cala Corvino, posizionata a nord di Monopoli, è una insenatura che si trova incastonata in una scogliera. Molto gettonata, soprattutto tra i giovani, è Porto Ghiacciolo; il nome ben descrive le sue acque, particolarmente fredde ma estremamente pulite. Rientrano tra le spiagge più belle quelle di Porto Bianco, Porto Rosso e Porto Nero, Porto Marzano e Porto Camicia. Gli amanti dei tuffi hanno a disposizione il tratto situato tra Lido Azzurro e Torre Cintola, famoso per le scogliere di Capitolo. Una spiaggia libera molto conosciuta, posta tra Lido Torre Egnazia e Lido Sabbiadoro, è "La Sbarra", caratterizzata da una sabbia estremamente fine, ideale per un picnic estivo.  

La ricchezza architettonica di Monopoli

Tra gli edifici di Monopoli, la chiesa romanica di Santa Maria Amalfitana, realizzata nel XII secolo e successivamente oggetto di continui interventi, si caratterizza per la presenza di tre absidi semicircolari. L'origine della chiesa è particolare in quanto legata ad un voto fatto da marinari amalfitani trovatisi ad affrontare un naufragio. Scampato il pericolo, decisero di dedicare una cripta alla Madonna, sulla quale sorse successivamente la chiesa.
Anche la Cattedrale di Maria SS. della Madia, risalente al 1107 e oggetto di nuovi interventi nel '700, che l'hanno portata ad assumere i tratti tipici dello stile barocco, è particolarmente apprezzata dai turisti. Al suo interno si trovano dipinti realizzati da artisti del calibro del Veronese e di Palma il Giovane. L'icona della Madonna della Madia è conservata sull'altare e rappresenta un oggetto di culto per i cittadini. Sempre in stile barocco sono le chiese di San Francesco e San Domenico, situate in prossimità della cattedrale.  
Tipiche di Monopoli sono le chiese rupestri, ossia edifici paleocristiani, ognuno dei quali conserva statue e affreschi. Possono essere ricordati, tra gli altri, la Cripta di San Leonardo e di Santa Maria del Soccorso.

Molto suggestivo è anche il Castello Carlo V di Monopoli, la cui struttura presenta una pianta poligonale e un torrione cilindrico. Nato nel 1552 come punto di osservazione a difesa del porto utilizzando una torre appartenente alla precedente cinta muraria, è stato oggetto di ristrutturazione nel 1600, quando gli spagnoli decisero di rafforzarlo per difendersi dalla scorrerie turche.  

Altro edificio che merita sicuramente una visita è Palazzo Martinelli, affacciato sul mare, custode del Giardino Botanico "Lama degli Ulivi", una destinazione obbligata specie per gli amanti della natura. Esteso lungo 3 ettari, sull'alveo asciutto di un torrente, esso propone almeno 3000 specie botaniche permettendo al visitatore di attraversare paesaggi nei quali spiccano specie tipiche come ulivi e fichi.  

Monopoli è conosciuta anche per i suoi musei, il più famoso dei quali è probabilmente il Museo della Cattedrale, i cui ambienti permettono di osservare reperti archeologici, sculture, crocifissi e statue, risalenti ad un periodo storico compreso tra il XIV e il XVIII secolo.
Nelle sale del Castello Carlo V è posto, invece, il Museo del Mare, inaugurato nel 2010: vi si trovano custoditi reperti che coprono un periodo storico piuttosto vasto, dall'età del bronzo all'800, scelti per testimoniare il rapporto tra la città di Monopoli e, come suggerisce il nome stesso, il mare. Completano l'offerta il Museo della confraternita di S.Giuseppe e il Museo Diocesano di Monopoli.  

Chi vuole dedicare qualche ora alla visita dei dintorni, percorrendo una quindicina di chilometri è possibile raggiungere le Grotte di Castellana, ossia delle cavità sotterranee la cui profondità è in grado di raggiungere i 122 metri. Visitarle significa percorrere circa 3 km in un ambiente nel quali la temperatura raggiunge i 16 gradi, rimanendo stupefatti dalla presenza di stalattiti, stalagmiti e fossili. Si tratta di un'esperienza capace di regalare emozioni sia ai più piccoli che agli adulti. Lungo la strada che da Monopoli porta alle Grotte di Castellana si incontra la masseria Caramamma, una struttura fortificata, originaria del XVII secolo, formata da una cappella privata e da un'abitazione a torre che presenta un ponte levatoio.